Epilatori a luce pulsata, pro e contro

Una delle ultime frontiere nella lotta ai peli superflui è l’epilazione a luce pulsata, una particolare tecnica che sfrutta il calore per distruggere il bulbo pilifero e impedirne la rinascita, a patto che non si verifichino successivamente cambiamenti ormonali che potrebbero ‘resuscitare’ il pelo. Di norma, però, l’epilazione a luce pulsata, che funziona irradiando flash termici che inceneriscono il pelo alla radice, è un metodo di sterminio permanente del pelo. Si tratta di una tecnica meno aggressiva dell’epilazione laser, che richiede se deleghiamo il professionista non meno di 6 trattamenti a distanza di una ventina di giorni l’uno dall’altro, un ciclo che complessivamente dura sui 4 mesi per vedere risultati significativi.

La novità è che l’epilazione IPL, acronimo che sta per Intense Pulsed Light, oggi si può fare anche da soli a casa, grazie all’arrivo sul mercato di epilatori a luce pulsata, che pur non garantendo le stesse performance dell’estetista o del salone di bellezza, sono concepiti per raggiungere il traguardo di un corpo bello, morbido e senza peli. Per conoscere meglio la gamma di epilatori a luce pulsata in commercio si può cliccare sul seguente link: www.epilatoremigliore.it. L’uso ‘fai da te’ dell’epilatore a luce pulsata porta ad ottenere risultati soddisfacenti anche se non in tempi rapidi, in quanto ci vorrà qualche mese prima che il pelo, anziché riaffiorare, non si ripresenti.

Gli ultimi modelli a luce pulsata in commercio sono molto semplici e intuitivi, basta un quarto d’ora per depilarsi le gambe e se sono waterproof ci si può depilare anche sotto la doccia. I prezzi variano a seconda della marca e del modello, si va da un minimo di 150 a un massimo di 500 euro per gli epilatori più professionali che eguagliano, o quasi, le prestazioni in ambulatorio. Finora abbiamo visto i vantaggi della luce pulsata, ma ci sono anche controindicazioni, anche se non per tutti. Se, infatti, in linea di massima questo tipo di epilazione, fra l’altro ringiovanente, non danneggia la salute e la pelle, ci sono alcuni soggetti che però non possono sottoporsi a questo tipo di trattamento, in particolare donne incinte, cardiopatici o affetti da malattie vascolari.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.